Mario Catalano
AI Act, Scorza (GPDP): «Le regole sono garanzia di diritti e libertà, non bloccano il progresso»
4 Marzo 2024

Perché ne stiamo parlando
Con l’approvazione dell’AI Act, l’UE è prima al mondo a porre limiti all’utilizzo dell’AI e a scrivere un diritto forte di tutele per i cittadini.
Molte aree di impiego restano ancora escluse dal Regolamento. La strada da percorrere è ancora lunga. Privacy e sicurezza dei cittadini e salute: quanto sono a rischio?

In Italia la telemedicina non decolla e solo il 45,6% delle persone possiede digital skills di base
1 Marzo 2024

Perché ne stiamo parlando
L’Italia cammina a rilento. È ancora bassa la percentuale di cittadini e cittadine con competenze digitali di base. In un momento storico in cui la percentuale di popolazione over 60 è destinata ad aumentare, serve soprattutto investire sugli anziani nel mantenimento e nello sviluppo delle loro competenze.

27 Febbraio 2024

Perché ne stiamo parlando
Nonostante le incertezze che arrivano dallo scenario internazionale, il settore del Venture Capital sembra aver trovato le giuste misure per convivere con tale contesto. Il 2024 si è aperto in modo molto promettente. Deep Tech e Life science continuano a trainare il comparto.

VC Italia: si va verso il consolidamento. Ciron (InnovUp): «Non sarà un fattore negativo»
23 Febbraio 2024

Perché ne stiamo parlando
Il Venture Capital frena. Dopo la contrazione dello scorso anno si va verso una fase di standby. Aumenta l’attenzione degli investitori internazionali verso l’Italia. Deeptech e life science trainano il settore. Il nuovo piano industriale di CDP Venture Capital e lo Start Up Act 2.0 potrebbero dare nuova linfa al comparto.

Healthcare e Intelligenza Artificiale: un enorme potenziale con enormi rischi
23 Febbraio 2024

Perché ne stiamo parlando
Quando si parla di assistenza sanitaria del futuro non si può più fare a meno dell’AI. Entro i prossimi sei anni l’healthcare rappresenterà un tesoretto da 188 miliardi di dollari. Medicina delle cinque “P” e di precisione, la tecnologia ha cambiato volto alla sanità. Occhio, però, ai rischi. Come difendersi?

Investimenti VC 2023: bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto?
21 Febbraio 2024

Perché ne stiamo parlando
Il secondo semestre è stato incerto. In Italia è stato registrato -37% rispetto al 2022, ma nelle ultime settimane si sono registrati segnali di miglioramento. Il settore life science rimane uno dei fiori all’occhiello italiano. Ad aprile potrebbe arrivare la svolta decisiva con lo Startup Act.

Malattie neurologiche rare: accordo Aptar-Biogen per sviluppare nuove soluzioni digitali
16 Febbraio 2024

Perché ne stiamo parlando
Lo scopo è fornire a Biogen una gamma completa di funzionalità tra cui gestione del prodotto, progettazione, sviluppo e manutenzione di applicazioni software, hosting cloud protetto e supporto clienti e marketing.

"Capsula": il primo "Health Pod" a tutela della salute delle persone
5 Febbraio 2024

Perché ne stiamo parlando
Capsula permette di valutare le proprie caratteristiche, frutto dello stile di vita, e prendere una nuova consapevolezza di sé, che comporta a tutti gli effetti la prevenzione di tantissime patologie. La valutazione si basa sui principali fattori di rischio, quindi quello cardiovascolare e quello metabolico.

Dottoranda italiana vola in Kenya per realizzare un sistema di diagnosi in vitro della malaria
1 Febbraio 2024

Perché ne stiamo parlando
Florinda Coro, studentessa di dottorato al Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Pisa, è partita con un solo obiettivo: rimediare alla mancanza di sistemi diagnostici per la malaria efficaci, robusti, di facile e veloce impiego, ma soprattutto realizzabili sul posto e di facile manutenzione.

Healthcare: la rivoluzione di GenAI è partita
29 Gennaio 2024

Perché ne stiamo parlando
Nell’ultimo biennio, GenAI ha suscitato entusiasmo e preoccupazioni nell’assistenza sanitaria e in futuro può fornire importanti miglioramenti nel comparto. Riuscirà a trasformare completamente il settore nei prossimi anni? Sembra improbabile, ma sicuramente può fare una grande differenza in tempi brevi.

Esplodono i Large Language Models, ma l'Europa non è ancora pronta
26 Gennaio 2024

Perché ne stiamo parlando
È un modello di apprendimento automatico di IA specializzato nella comprensione e nella generazione di testo naturale. Ma la sua diffusione è diventata una minaccia per quanto riguarda i temi della responsabilità, privacy, proprietà intellettuale e sicurezza informatica. Come si sta muovendo l’Europa in tal senso?

Italia e sanità digitale: ancora poca formazione e collaborazione con i medici
16 Gennaio 2024

Perché ne stiamo parlando
Nella giornata di confronto sulla digitalizzazione dei dati sanitari e lo sviluppo di algoritmi di AI sono emerse alcune criticità ancora oggi presenti nel nostro Paese. Per dare una svolta e aprire nuovi orizzonti nella digital health bisogna investire di più sulla formazione e creare nuovi modelli di business.

4 Gennaio 2024

Perché ne stiamo parlando
Questa raccolta è uno dei più grandi fondi mai realizzati per la crescita nel settore delle scienze della vita private. Si rivolgerà soprattutto alle società terapeutiche in fase iniziale e intermedia con portafogli multi-asset, nonché ad aziende di strumenti e diagnostica.

ADHD: conoscere il profilo intellettivo dei bambini buon supporto per il clinico nelle diagnosi
2 Gennaio 2024

Perché ne stiamo parlando
Svolto su una banca dati di 1004 casi, si è concluso lo studio “ADHD, età e profilo intellettivo studiato mediante la WISC-IV”, guidato dal professore Cesare Cornoldi. L’obiettivo? Conoscere il profilo intellettivo dei bambini con disturbo del neurosviluppo: un grande aiuto per il clinico, ma anche per la ricerca.

Riproduzione del senso del tatto: la sfida dell'università di Pisa è partita
1 Dicembre 2023

Perché ne stiamo parlando
L’obiettivo è colmare il divario che esiste tra i dispositivi di visione artificiale e i sistemi aptici. I sistemi sviluppati avranno un impatto significativo in tutti gli ambiti dell’interazione uomo-macchina, in particolare nella realtà aumentata e virtuale e nella telerobotica, ma anche nella robotica autonoma o per migliorare l’accessibilità del contenuto digitale a persone non vedenti.

Chemio sì, chemio no? L'AI può aiutare nella scelta della terapia per il tumore al seno
30 Novembre 2023

Perché ne stiamo parlando
Utilizzare l’intelligenza artificiale per “leggere” le immagini diagnostiche e, senza bisogno di esami invasivi e costosi, indirizzare il professionista nella scelta della terapia più adatta. Questa la sfida del progetto Peerad, assegnato dal ministero della Salute all’Istituto Tumori di Bari.

ADHD e innovazione tecnologica: dispostivi indossabili e video games sono il futuro e il presente dei trattamenti
29 Novembre 2023

Perché ne stiamo parlando
L’innovazione tecnologica può permettere di individuare deficit che altrimenti rimarrebbero nascosti usando i test tradizionali. Nell’ambito dell’ADHD dispositivi come l’accelerometro possono fare la differenza. E intanto i video games, sottoforma di DTX, si fanno sempre più strada per il trattamento di questo disturbo.

Vola il tech nella sanità, ma serve più formazione per medici e infermieri
24 Novembre 2023

Perché ne stiamo parlando
Solo il 20% degli infermieri e il 16% dei medici ha ottime o buone digital soft skill. Nell’ultimo biennio, l’email è il canale più utilizzato nella comunicazione professionista-paziente. Ma la digital health la usa meno chi ne avrebbe più bisogno: poco utilizzata da cittadini che vivono in aree rurali o con una bassa istruzione.

Il paziente è su internet, il Sevizio Sanitario Nazionale no
23 Novembre 2023

Perché ne stiamo parlando
Il paziente 2.0 è curioso, impaziente, esigente e consapevole. Ha fiducia nelle informazioni cliniche che trova sul web, ma trova poche risorse online su siti del SSN. C’è bisogno di una svolta nella comunicazione pubblica della salute per soddisfare i nuovi bisogni dei cittadini e delle cittadine.

Immunoterapia: AI nuovo alleato dei medici nel processo decisionale
21 Novembre 2023

Perché ne stiamo parlando
NEARLab e AIRLab sono due gruppi di ricerca del Politecnico di Milano che supportano il progetto I3LUNG. Il primo team svilupperà soluzioni intelligenti artificiali al servizio dei medici, il secondo creerà un sistema di monitoraggio della qualità di vita del paziente basato su un’applicazione mobile.