INNOAID - RIAPERTURA

Promotori

Regione Puglia

Obiettivo

Il progetto mira ad incrementare e supportare la domanda di innovazione da parte delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l’acquisizione di servizi tecnologici qualificati per favorire l’implementazione di processi virtuosi, finalizzati ad una crescita e maggiore competitività del sistema produttivo pugliese.

Target eleggibili

I beneficiari del bando sono le Micro Piccole e Medie Imprese (MPMI), in forma singola o associata, in Consorzio, ATI, Reti di imprese con personalità giuridica (Reti- soggetto) o Reti senza personalità giuridica (Reti-contratto).
I Consorzi, le Reti – Soggetto, sono ammissibili solo se costituite da
almeno tre MPMI in possesso dei requisiti previsti dal presente avviso.
Le Reti-Contratto, le ATI- sono ammissibili solo se costituite da almeno tre MPMI in possesso dei requisiti previsti dal presente
avviso.
In caso di Consorzio, Società Consortile, Rete – Soggetto, oltre al codice ATECO di questi ultimi, sono richiesti anche i codici ATECO di attività economica identificata come prevalente delle singole imprese consorziate/aderenti alla rete che partecipano alla realizzazione del progetto.
Ciascuna impresa, sia in forma singola che associata, potrà presentare un solo progetto.

Tipologia finanziamento

Risorse totali stanziate: € 4.000.000,00

La durata delle attività ammesse a finanziamento non può essere superiore a 8 mesi a partire dalla data di inizio attività, che deve essere successiva alla data di presentazione della domanda.

Entità finanziamento

Il costo massimo per singolo progetto candidato è di € 520.000,00 Le agevolazioni sono concesse sotto forma di sovvenzioni dirette e nella misura del 45% dei costi valutati ammissibili. Tale intensità può crescere del valore del 5% massimo, per i soggetti che possiedono i requisiti esplicitati all’art. 14 dell’Avviso.

Requisiti

Le tipologie di investimento ammissibile sono:
A. I servizi di consulenza in materia di innovazione:
1) Servizi di consulenza per l’innovazione guidata dal design;
2) Servizi di consulenza per l’innovazione di prodotto/servizio;
3) Studi di fattibilità
B. I servizi di consulenza e supporto all’innovazione:
1) Servizi tecnologici di sperimentazione;
2) Servizi di supporto alla gestione della proprietà intellettuale e alla certificazione di prodotto;
C. I servizi di consulenza legati all’energia e alla sua gestione:
1) Servizi di consulenza per l’adozione di un sistema di gestione dell’energia ISO 50001
2) Servizi di supporto alla realizzazione di audit e diagnosi energetica

Sono considerate spese ammissibili:
• Acquisizione di servizi di consulenza su specifiche problematiche direttamente afferenti al progetto di investimento presentato;
• I costi per l’ottenimento, la convalida e la difesa dei brevetti, degli altri diritti di proprietà industriale e intellettuale e altri attivi immateriali;
• I costi per l’acquisizione di servizi di consulenza e di sostegno dell’innovazione.

News

Raccolte