PROTAGONISTI: GLI INNOVATORI

Questa rubrica è dedicata alle innovatrici e agli innovatori che si sono distinti con le loro idee e i loro progetti, portando una vera innovazione nel settore life science; ogni mese sceglieremo un protagonista a cui dare visibilità raccontandone la storia. 

Candida entro il 20 del mese l’innovatore di cui Innlifes dovrebbe parlare: la nostra redazione sceglierà tra le candidature ricevute a chi dedicare la rubrica nel mese successivo. A fine 2024 verrà scelto l’Innovatore dell’anno, che riceverà un Premio speciale.

INNOVATORE DEL MESE

Mattia Altini

Presidente SIMM, Direttore Assistenza Ospedaliera Regione Emilia-Romagna

Perché lo abbiamo scelto
Presidente SIMM e Direttore dell’Assistenza Ospedaliera della Regione Emilia-Romagna, Altini è il nostro innovatore del mese. Dal curare le persone alla cura degli ospedali: l’ammodernamento dei modelli organizzativi e di governance è fondamentale per erogare servizi rispondenti ai bisogni dei cittadini e sostenibili per il SSN.

PROTAGONISTI PRECEDENTI

Aprile 2024

Victor Savevski

Chief Innovation Officer, Humanitas
Direttore, Humanitas AI Center

Perché lo abbiamo scelto
Victor Savevski, Chief Innovation Officer di Humanitas e Direttore dell’Humanitas AI Center, è il nostro innovatore del mese. L’Humanitas AI Center è il primo centro di Ricerca e Sviluppo per l’applicazione dell’AI all’interno di un ospedale italiano e tra i primissimi esempi in Europa.

Marzo 2024

Silvia Cerolini

CEO & Founder, Eyes on the Future

Perché l’abbiamo scelta
Silvia Cerolini è la nostra innovatrice del mese. Con Eyes on the Future, ente benefico UK, punta ad accelerare la ricerca sulla malattia genetica rara che progressivamente causa cecità, l’Amaurosi congenita di Leber, per arrivare a possibili terapie.

Febbraio 2024

Stefano Denicolai

Presidente, ITIR – Institute for Transformative Innovation Research

Perché lo abbiamo scelto
Per affrontare le sfide complesse del nostro tempo, servono competenze trasversali e bisogna saper connettere persone, idee, competenze, valori. La chiave è l’innovazione trasformativa. Stefano Denicolai è Professore di Innovation Management all’Università di Pavia e Presidente dell’Institute for Transformative Innovation Research (ITIR).

Gennaio 2024

Tiziana Borsello

Neurobiologa, Istituto Mario Negri

Perché l’abbiamo scelta
La neurobiologa è la nostra innovatrice del mese. Docente all’Università di Milano e ricercatrice al Mario Negri, dopo 40 anni di ricerca in laboratorio sogna di poter cambiare la storia della malattia di Alzheimer, bloccando la proteina che innesca la neurodegenerazione.

Dicembre 2023

Francesca Pasinelli

Managing Director, Fondazione Telethon

Perché l’abbiamo scelta
Francesca Pasinelli è la nostra innovatrice del mese. Classe 1960, ha lavorato nel mondo del farmaco fin da giovane e ha cambiato, insieme a tutto il mondo Telethon, la ricerca per le malattie rare, fino a sperimentare nuove vie per rendere i farmaci orfani sostenibili e accessibili.

Novembre 2023

Elisabetta Iannelli

Segretario Federazione Italiana Associazioni Volontariato in Oncologia

Perché l’abbiamo scelta
Elisabetta Iannelli ha fatto del suo percorso di paziente, una strada per il riconoscimento della disabilità oncologica a livello nazionale, scrivendo testi che ancora oggi sono un riferimento per i diritti delle persone con il cancro, e facendo approvare leggi per la tutela sociale di chi convive con questa malattia.

Ottobre 2023

Pierpaola D’Alessandro

Vice Direttore Generale Vicario di Roma Capitale

Perché l’abbiamo scelta
Pierpaola D’Alessandro ha ricoperto diversi ruoli in aziende sanitarie pubbliche e nel 2020 si è trovata a dover gestire una Asl poco digitalizzata, in piena pandemia. In poco tempo ha messo su un team multidisciplinare e trovato un responsabile che facesse decollare la telemedicina, diventando un esempio per tutto il Paese.

Settembre 2023

Fausto D’Agostino

Medico rianimatore del campus biomedico di Roma

Perché lo abbiamo scelto
Innovare in sanità significa anche (ri)partire dalla formazione dei professionisti sanitari, spesso troppo teorica e poco pratica. L’innovatore di questo mese è un giovane professionista che sta cercando di cambiare il modo con cui si formano i professionisti sanitari, puntando sulla simulazione pratica e sull’ascolto delle loro esigenze.