PROTAGONISTI: LE STARTUP

Questa rubrica è dedicata alle startup che stanno portando idee innovative nel settore life science; ogni mese sceglieremo una startup a cui dare visibilità in base a tre criteri:  il numero di segnalazioni ricevute, il piano ESG e l’impatto sulla vita del paziente.

Candida entro il 20 del mese la startup di cui Innlifes dovrebbe parlare: la nostra redazione sceglierà tra le candidature ricevute a chi dedicare la rubrica nel mese successivo. A fine 2024 verrà scelta la startup dell’anno, che riceverà un Premio speciale.

START UP DEL MESE

ExoLab Italia

Mariantonia Logozzi, Founder & CTO, Head of R&D

Perché l’abbiamo scelta
ExoLab Italia è la nostra startup del mese. Nata nel 2020, fonda la sua attività sulla ricerca ventennale condotta da Stefano Fais e Mariantonia Logozzi all’Istituto Superiore di Sanità. Grazie ai round di finanziamento di Scientifica Venture Capital e Terra Next, la startup ha realizzato a L’Aquila i laboratori di ricerca e sviluppo, prototipazione e produzione di esosomi vegetali per la cosmetica, la nutraceutica e la farmaceutica.

PROTAGONISTI PRECEDENTI

Marzo 2024

Medical Microinstruments

Massimiliano Simi, Co-Founder e Global Vice President Research & Development

Perché l’abbiamo scelta
MMI è la nostra startup del mese. Nata a Pisa nel 2015, ha aperto il 2024 con un round C di 110 milioni di dollari guidato da Fidelity Management & Research Company. Ora Medical Microinstruments punta al mercato statunitense ed asiatico. A Pisa continua l’attività produttiva oltre alla ricerca e sviluppo per potenziare ulteriormente il sistema robotico di microchirurgia Symani.

Nouscom: boost di finanziamenti per lo studio dei vaccini antitumorali

Febbraio 2024

Nouscom

Elisa Scarselli, Direttrice scientifica

Perché l’abbiamo scelta
Un team affiatato e dati clinici sempre più promettenti rendono Nouscom, azienda immuno-oncologica con headquarter a Basilea e laboratorio a Castel Romano, un’ottima realtà biotecnologica su cui investire. Come difatti è successo con la recente chiusura di un round “monstre” che apporta nuovi capitali in grado di far completare nel giro di due anni gli studi clinici sui vaccini antitumorali.

Roberto Chiarle (Alkemist Bio): terapie innovative per consentire al sistema immunitario di eradicare tumori molto aggressivi

Gennaio 2024

ALKemist Bio

Roberto Chiarle, Founder

Perché l’abbiamo scelta
Ancora non abbiamo a disposizione immunoterapie per i tumori i solidi, come il tumore del polmone. ALKemist Bio è una startup biotecnologica appena nata a Torino con l’ambizione di trovare una cura per i tumori ALK-positivi.

EnGenome: AI e bioinformatica al servizio delle diagnosi genetiche

Dicembre 2023

enGenome

Ettore Rizzo, CEO e Cofounder

Perché l’abbiamo scelta
EnGenome è la startup di dicembre. Una società bioinformatica che ha messo a punto il software eVai: strumento innovativo per migliorare la diagnosi delle malattie genetiche attraverso l’interpretazione dei dati genomici. Il CEO e cofounder Ettore Rizzo illustra sfide e traguardi.

Sestre, la nutraceutica mediterranea per il benessere femminile

Novembre 2023

Sestre

Sabrina Fiorentino, fondatrice e CEO

Perché l’abbiamo scelta
Sestre è la startup del mese di novembre. Si occupa di nutrizione e farmaceutica, ed è una startup pugliese fondata e formata da donne che propone al mercato integratori per la salute femminile e che svolge, al contempo, un interessante ruolo di sensibilizzazione su patologie croniche spesso tenute sotto silenzio.

Ottobre 2023

DINO by Paperbox

Francesco Trovato, CEO

Perché l’abbiamo scelta
La startup di ottobre si è distinta nel campo dei disturbi specifici dell’apprendimento, come la dislessia, identificati sempre troppo tardi. Ne parliamo con Francesco Trovato, inventore del videogioco che coglie i primi sintomi dei DSA, e ne anticipa l’insorgenza permettendo un opportuno intervento terapeutico.

Settembre 2023

Agora labs

Davide Zaccagnini Cofounder

Perché l’abbiamo scelta
Ogni mese vi raccontiamo la storia di una start up italiana nell’ambito life science scelta da voi. Lo facciamo per narrare come si muove il nostro paese dal punto di vista dell’innovazione, il cui motore è rappresentato soprattutto da queste piccole realtà, come Agoralabs che ha trovato il modo di utilizzare i dati in sanità preservando la riservatezza dei pazienti e rispettando il GDPR.